La Corte nel gioco dei bilanciamenti