Vico, Gravina e l'uso moderno delle fonti