La relazione terapeutica con l’altro: da paziente a partner?