Suggestioni sulla "conversione" nel processo: a partire da una riflessione sulla giurisprudenza filosofica di Vico