Il giudicato come limite alle sentenze della Corte costituzionale e delle Corti europee