Un caso di responsabilità professionale in chirurgia endoscopica