Il diritto soggettivo tra cultura e ragione