Sulla distinzione tra situazioni reali e di credito