La risposta viro-immunologica discordante nella pratica clinica