Un dialogo del tempo passato: il "mio" Francesco Gentile