La definizione giuridica di genocidio e la questione dei punti di osservazione: alcune considerazioni in merito ad una proposta di David Luban