Sull'interpretazione dell'art. 17 della Convenzione di Bruxelles del 27 settembre 1968 relativo alla c.d. proroga di competenza