Clausole di fungibilità per “esigenze aziendali”: un nuovo disorientamento della Cassazione?